Metonimia

Figura retorica tradizionale in cui vi è la sostituzione di un nome poiché il significato si trasferisce da una parola a un‘altra in base a una relazione che può essere temporale, spaziale, causale o altro.
Per esempio: I suoi „ori“ per indicare i gioielli, le „toghe“ parlano di ergastolo per intendere i giudici, rispettare la „Corona“ cioè la monarchia e così via.

La parola desueta del 04.05.2022


Vacuo

21.01.2023

Burbanza

18.01.2023

Corteggio

17.01.2023

Bruma

16.01.2023

Scilinguare

12.01.2023

Stenografia

11.01.2023